Consulenza preparazione colloquio di lavoro: tecniche e consigli

Consulenza preparazione colloquio di lavoro

Come prepararsi per superare le selezioni in azienda

Consulenza preparazione colloquio di lavoro: come superare un colloquio di lavoro, preparandoti correttamente alle principali domande dei selezionatori?

In epoca di pandemia, dove tutto sembra “fermarsi”, puntare sulla tua preparazione è una scelta strategica fondamentale.

In questo articolo descriviamo tecniche e trucchi per preparare efficacemente il tuo colloquio di selezione. Per superare colloqui in azienda, infatti, non basta avere un curriculum perfettamente “in linea” con i requisiti descritti nella “job description” aziendale.

Per superare una selezione lavorativa, serve “quel qualcosa in più”, “quel qualcosa” che non emerge dal CV e che devi saper trasmettere al selezionatore che hai di fronte. In sostanza, devi essere in grado di “saperti vendere”, convincendo l’ interlocutore che tu sia il candidato ideale per quel determinato ruolo.

In questa pagina, grazie alla nostra esperienza nel settore formazione – commerciale, definiamo gli step fondamentali per prepararti in maniera corretta ad affrontare il tuo primo colloquio di lavoro.

  • Pianificazione e self Marketing
  • Conosci il tuo interlocutore … e sei a metà dell’opera
  • Come realizzare una lettera di presentazione
  • Come realizzare un Curriculum efficace
  • Come affrontare il colloquio in azienda
  • Come gestire il post-colloquio

Consulenza preparazione colloquio di lavoro: pianificazione e “Self Marketing”

Prima di inviare un il tuo curriculum in azienda, fai un “audit” (verifica – autoanalisi) delle competenze che hai acquisito durante le tue esperienze professionali e durante il tuo percorso formativo (Laurea, Master, Corsi di specializzazione).

Le domande più importanti che devi porti sono:

  • Come posso promuovere me stesso e attraverso quali canali? (sito, social, telemarketing, email marketing, appuntamento).
  • Quale ruolo/ruoli posso ricoprire? (nel nostro esempio un Digital Strategist).
  • In cosa posso essere utile alle aziende?
  • Cosa so fare effettivamente?
  • Quali sono le mie “soft skills” e le mie “hard skills”?
  • Quali sono i miei punti di forza?
  • Quali sono i miei punti di debolezza?

Le risposte a queste domande ti consentiranno di realizzare un vero e proprio “Piano di Self Marketing”, ideale per promuovere la tua professionalità.

Realizzato questo “piano di azione”, INVIA I L TUO CURRICULUM SOLO ALLE AZIENDE CHE RICERCANO CANDIDATI IN LINEA CON IL TUO PROFILO. Credimi, non perdere tempo a inviare curriculum a Società che cercano candidati con esperienze o competenze differenti dalle tue … perderesti solo tempo!

Inoltre, durante il tuo primo colloquio di selezione, sforzati di rimanere sempre “coerente” con il tuo profilo, con le tue aspettative e con i requisiti della ricerca.

I selezionatori, infatti, cercheranno di metterti in contraddizione con delle domande “trabocchetto”, per verificare se effettivamente hai le potenzialità e l’interesse a ricoprire un determinato ruolo, svolgendo determinate mansioni.

Consulenza preparazione colloquio di lavoro: conosci il tuo interlocutore

Se conosci il tuo interlocutore sei a metà dell’opera! Cosa intendo dire?

Ad esempio, dopo aver visualizzato un annuncio di un’azienda per la ricerca di un candidato nel ruolo digital marketing, impegnati per reperire tutte le informazioni possibili riguardo:

  • attività, storia e peculiarità dell’azienda,
  • nominativo del responsabile della selezione/del personale.

Dove puoi trovare queste informazioni? Queste info potrai trovarle:

  • sul testo dell’annuncio (naturalmente): spesso le aziende inseriscono molte info sulla loro attività,
  • sul sito istituzionale azienda: in “chi siamo”, “la nostra storia”, “organigramma”, ecc …
  • tramite ricerca sul web: digitando “nome azienda + responsabile ricerca e selezione”,
  • tramite ricerca su Linkedin.

Perchè è importante conoscere il nominativo del selezionatore? Perchè, in questo modo, potrai “emergere dalla massa” facendo un “doppio invio”.

Cosa intendo per “doppio invio”?

  • una candidatura direttamente sul sito aziendale o sul portale dove è pubblicato l’annuncio.
  • una candidatura via email all’indirizzo email aziendale: se sei stato bravo e fortunato e hai individuato il responsabile per la selezione in oggetto, potrai inviare il tuo CV direttamente alla sua email: nome.cognome@azienda.it oppure inviarlo all’email selezione@azienda.it (inserendo nell’oggetto il nome del selezionatore).

Considera che esistono collaudate tecniche per inviare un curriculum via email; in questa sede, riportiamo un esempio di lettera di presentazione e di Curriculum via e-mail.

Come realizzare una lettera di presentazione efficace

Quando invii la tua candidatura, oltre ad allegare il CV in formato PDF, ti consiglio di realizzare una breve “lettera di presentazione”.

Generalmente, la lettera di presentazione non deve essere troppo lunga e deve accennare a quegli aspetti “qualitativi” (obiettivi futuri, “sogni nel cassetto”) che non possono essere riportati sul CV e che danno quel “tocco di personlità” alla tua candidatura.

Es:

Oggetto: Egr. Dott. Rossi, selezione Digital Marketing Specialist

NB: inserisci il nome del referente e l’oggetto della ricerca nell’oggetto dell’email! (questa tecnica garantisce tassi di apertura e di lettura dell’email più elevati).

Egr. Dott. Rossi,

sono Giulio Verdi – Digital Marketing Specialist, con esperienza
nella consulenza e formazione per professionisti e PMI.

Da circa 3 anni collaboro con successo nel settore “B to C”, occupandomi della
definizione – coordinamento della Digital Strategy aziendale, progettando ed erogando
corsi di aggiornamento in ambito web marketing per i collaboratori aziendali.

Mi piacerebbe poter collaborare con una realtà leader del settore digital come la “Rossi Communication”
per arricchire ulteriormente le mie competenze e esperienze professionali di settore.

In attesa di un vostro gentile riscontro, porgo distinti saluti.

Giulio Verdi, Telefono, E-mail

Consulenza preparazione colloquio di lavoro: realizzare un Curriculum corretto

Se vuoi creare un Curriculum Vitae corretto, puoi prendere come riferimento (anche se non mi fa “impazziere”) il CV in formato europeo.

Indipendentemente dal layout deciderai di utilizzare, ricordati sempre di:

1# “Titolo del Curriculum”: inserire l’oggetto della ricerca, nel titolo del CV (vicino al tuo nome).

Titolo Curriculum: Giulio Verdi , Digital Marketing specialist

#2 “Informazioni personali” (in alto a destra): nome, cognome, indirizzo, telefono, email.

Un consiglio: nel campo “informazioni personali” specifica anche: automunito, disposto a spostamenti/trasferimenti in tutto il territorio nazionale/all’estero.

3# Esperienze Professionali: dalla più recente alla più vecchia.

Esperienza 1: Data, Azienda, Ruolo, Mansioni

Esperienza 2: Data, Azienda, Ruolo, Mansioni

Esperienza 3: Data, Azienda, Ruolo, Mansioni

# 4 Formazione: dalla Specializzazione/Corso più recente (master, corsi di specializzazione, ecc…) a quella più vecchia (Laurea, Diploma).

# 5 Competenze tecniche o “hard skills“: elenca le competenze tecniche che hai appreso durante le tue precedenti esperienze professionali (ovviamente le tue competenze devono essere in linea con la selezione in oggetto!).

SEO: posizionamento sui motori di ricerca

SEM: realizzazione – coordinamento e monitoraggio campagne keyword advertising

SOCIAL MEDIA MARKETING: apertura e aggiornamento profili aziendali sui principali Social media

PHP: buona conoscenza linguaggio programmazione lato server “PHP”

HTML5: buona conoscenza linguaggio marcatura “HTML5”

CSS3: buona conoscenza “fogli di stile”

ecc…

# 6 Competenze trasversali o “soft skills”: elenca le competenze trasversali che ti caratterizzano:

  • creatività,
  • motivazione,
  • time management (gestione del tempo),
  • gestione-risoluzione dei conflitti,
  • problem solving,
  • flessibilità (adattarsi ai cambiamenti).

#7 HOBBY e INTERESSI: non sottovalutare questa voce! Tieni presente che le aziende non cercano degli “automi”, soggetti che pensano solo a lavorare, ma individui che hanno anche altri interessi. Un hobby può essere sinonimo di creatività e competenze che non emergono dal Curriculum!

Consulenza preparazione colloquio di lavoro: come affrontare il colloquio in Azienda

Ed eccoti finalmente in azienda: il selezionatore ha ricevuto il cv con la tua lettera di presentazione e ha deciso di invitarti presso la Società per un primo colloquio conoscitivo.

Come ti comporti?

DURANTE L’ATTESA, PRIMA DEL COLLOQUIO

  1. Arriva in anticipo di qualche minuto, 5 minuti bastano e avanzano.
  2. Quando arriva il selezionatore, salutalo con una stretta di mano “decisa” ma senza esagrare e seguilo verso la sala o l’ufficio che ti indica.
  3. Fai in modo che sia il selezionatore a “rompere il ghiaccio”, inviandoti ad accomodarti.

INIZIO DEL COLLOQUIO

  1. Quando inizia il colloquio sii te stesso! Rispondi in maniera “naturale” e diretta alle domande del selezionatore. Ricordati che (coerentemente con il tuo Piano di Self Marketing) ti sei candidato per quella specifica posizione e che sei una persona determinata e con le idee chiare.
  2. Durante il dialogo, evita di parlare di ruoli e mansioni che non riguardano la posizione per la quale ti sei candidato (a meno che non siano domande poste dal tuo interlocutore).
  3. Durante questa fase, il selezionatore ti chiederà le motivazioni che ti hanno spinto a inviare la tua candidatura: esperienze lavorative pregresse o attuali, competenze in linea con il ruolo che potresti ricoprire, passione per il settore, crescita professionale, ecc …

NEL “VIVO” DEL COLLOQUIO

A questo punto, il selezionatore potrebbe chiederti di parlare dei tuoi punti di forza e dei tuoi punti di debolezza. Questa è una fase particolarmente importante, durante la quale il responsabile aziendale cerca di capire la persona che gli stà di fronte, facendosi una “prima impressione”.

Il mio consiglio è di non dilungarti troppo sui tuoi punti di forza, facendo troppe autovalutazioni, ma di discutere soprattutto delle aree dove vorresti migliorare.

Riflettici un attimo: se il tuo profilo è in linea per esperienze e competenze professionali con il ruolo ricercato, a quale selezionatore dispiacerebbe confrontarsi con un candidato determinato e sincero che vorrebbe crescere professionalmente nella sua azienda?

Alla fine dei questo step, il responsabile della selezione ti descriverà meglio la persona che stanno cercando, il ruolo che dovrà ricoprire e le mansioni che dovrà svolgere.

E’ durante questa fase, che potrai fare tutte le domande che ritieni opportuno: quale sarà il tuo referente aziendale (il tuo capo diretto) dove sarà la sede di lavoro, quali saranno gli orari, se lavorerai da solo o in team, ecc …

NB: se ti interessa veramente la posizione (e hai valutato l’aspetto retributivo sufficientemente in linea con le tue aspettative), non soffermarti troppo sulla “RAL” (retribuzone annua lorda). Infatti, se passerai il primo colloquio di selezione, farai sempre in tempo (durante i colloqui successivi) a negoziare al rialzo il tuo “ingaggio”!

AL TERMINE DEL COLLOQUIO

Alla fine del colloquio, saluta cordialmente il tuo interlocutore, ringraziandolo dell’opportunità e cerca di stabilire con lui una data di Follow-up, finalizzata ad avere un feedback per un eventuale prosecuzione della selezione.

Consulenza preparazione colloquio di lavoro: ti prepariamo per il tuo colloquio di selezione

Hai trovato consigli utili su questo articolo? Ti senti più preparato per affrontare il tuo primo colloquio di selezione nell’azienda dei tuoi sogni?

Ci auguriamo di si!

Qualora avessi necessità specifiche, per preparati al top sul tuo prossimo colloquio, non esitare a contattarci: con le nostra “Consulenza one to one” possiamo aiutarti a superare il primo colloquio di lavoro.

CHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

default img

Contattaci come preferisci

Oppure compila il Form

Ho letto l'informativa privacy e do il mio consenso al trattamento dei miei dati in merito alla mia richiesta commerciale. Privacy Policy