ELEVEN MARKETING – Agenzia Marketing

Cause interruzione SEO: meglio non interrompere la SEO!

Cause interruzione SEO

Cause interruzione SEO: come evitare perdite di posizionamento

Capita spesso che Imprenditori e PMI interrompano le loro campagne SEO, pensando che questa scelta possa non comportare alcuna consueguenza sulla loro attività on line.

Sbagliato!

Se hai avviato un persorso di posizionamento SEO sul tuo sito e se questa azione ti ha portato dei benefici, ti consiglio di non fermare la tua SEO!

In questo articolo ti spiego perchè devi continuare ad investire nel posizionameno organico se vuoi evitare delle gravi perdite di visibilità.

Cause interruzione SEO: effetti negativi dovuti ai non aggornamenti

Se interrompi la pubblicazione nuovi contenuti (nuove pagine/nuovi articoli) potresti subire degli effetti negativi:

  • fermi il posizionamento di nuove parole chiave,
  • fermi la possibilità che nuovi contenuti possano essere linkati,
  • rallenti la visita di nuovi utenti che potrebbero richiedere informazioni o effettuare acquisti.
  • rallenti la creazione di contenuti che potrebbero diventare “Hub pages” – (pagine centrali) dalle quali potrebbero partire altri contenuti.
  • fermi contenuti che possono essere condivisi sui social media.
  • scoraggi i visitatori a ritornare sul tuo sito, penalizzazno le tue ricerche “brandizzate” su Google.

CONSIGLIO: un’ottima abitudine per mantenere la tua SEO “viva” è scrivere almento un articolo nuovo a settimana. In questo modo farai capire a Google che il tuo sito è “vivo e vegeto” e che sforna sempre novità

Crea nuovi contenuti e “Rinfresca” quelli “vecchi”!

Creare nuovi contenuti è fondamentale ma non basta … per mantenere il posizionamento SEO di un sito al “TOP”
è importante “aggiornare” anche i contenuti più “vecchi”.

E’ noto, infatti, che l’aggiornamento dei contenuti più “vecchi”, insieme alla creazione di nuovi contenuti è uno dei fattori SEO più importanti.

Ti consiglio di aggornare, periodicamente, anche i contenuti di pagine/articoli più “vecchi”. In questo modo, come evidenziato dai migliori Esperti SEO, puoi ottenere un incremento del traffico che va dal 10% al 30%!

CONSIGLIO: se vuoi rinnovare efficacemente il contenuto di una pagina, verifica se l’argomento e le parole chiave relative a quella stessa pagina corrispondano effettivamente alle “search intent” – “intenzione di ricerca” del navigatore.

Attenzione alla perdita di controllo sui backlink

Cosa sono i backlink? i backlink sono link di siti esterni che puntano alla home page o a altre pagine del tuo sito.

Se smetti di fare SEO è probabile che tu possa dimenticare anche di verificare ed analizzare i link di siti esterni che puntano al tuo sito web.

Tale dimenticanza potrebbe penalizzare la reputazione ed il posizionamento del tuo sito, nel caso questo sia bersaglio di:

  • siti poco autorevoli,
  • siti spammosi,
  • siti hackerati.

CONSIGLIO: se hai un account Google e hai accesso a Google Search Console, controlla periodicamente lo stato dei backlinks del tuo sito, AGGIORNANDO IL FILE DEI “DISAVOW LINK”.

Cause interruzione SEO: attenzione ai contenuti duplicati!

Se interrompi l’aggiornamento del tuo sito e rallenti la tua SEO. potresti dimenticarti di verificare l’eventuale presenza di tuoi contenuti copiati e duplicati da concorrenti scorretti.

Se Google dovesse riscontrare la presenza di tuoi contenuti su altri siti, potrebbe penalizzare il tuo sito web!

CONSIGLIO: 1) Vai su una delle tue pagine più significative . 2) Vai sulla barra di ricerca di Google e scrivi una porzione di testo della pagina tra virgolette. Risultato: Potresti accorgerti che qualche tuo concorrente è sopra di te!

Pensa se questo accadesse per molte e molte pagine del tuo sito … sarebbe devastante!

In questo caso non ti rimarebbe che:

  • Riscrivere il contenuto del tuo sito.
  • Chiedere al concorente di cambiare il suo contenuto.
  • Contattare la società di hosting chiedendo di rimuovere il sito concorrente.