Guida SEO aggiornata 2021, esercizi sul posizionamento: per principianti ed esperti

Guida SEO aggiornata 2021, Guida SEO PDF: per principianti ed esperti

Guida SEO aggiornata 2021: la nuova guida per “allenare” il tuo posizionamento sui motori di ricerca

“Guida SEO Aggiornata 2021: scopri come emergere su Google, migliorando la visibilità del tuo sito internet, aumentando visite di “qualità” e conversioni. Cimentati nell’”arte” della SEO con esercizi sul posizionamento”.

La nuova Guida SEO è pensata sia per “neofiti” che per “esperti” della “Search Engine Optimization”, che vogliono acquisire e/o aggiornare le proprie competenze nella disciplina del Posizionamento sui Motori di Ricerca, incrementando le performance del proprio business online.

Questa Guida sul “Posizionamento Organico” ti illustra i fattori principali e le tecniche che sono alla base dell’ottimizzazione SEO di una pagina web, svelandoti alcuni “trucchi del mestiere” (tutti leciti) per migliorare concretamente il “ranking” della tua Attività su Google.

La Guida è organizzata in capitoli ed è caratterizzata da sezioni “pratiche” – esercizi sul posizionamento SEO, attraverso i quali puoi cimentarti nella realizzazione di piccole “simulazioni SEO”.

Comprendere i fattori e le tecniche che sono alla base del “posizionamento organico” è fondamentale non solo per gli appassionati della SEO, ma anche e soprattutto per Imprenditori e PMI che devono saper gestire efficacemente l’operato di Consulenti e Agenzie web.

La SEO, infatti, oltre ad essere compresa ed apprezzata, deve saper essere monitorata mediante l’analisi di indicatori e “KPI” ad hoc.

Prima di iniziare, facciamo un po’ di chiarezza su come “lavorano” Google e i principali motori di ricerca: “Crawling”, “Indexing” e “Ranking”.

  • Crawling (Scansione): il motore di ricerca scansiona il web, esaminando il codice/contenuto per ogni URL che trova.
  • Indexing (Indicizzazione): il motore di ricerca archivia e organizza il contenuto trovato durante il processo di scansione. Una volta che una pagina è nell’indice, questa entra in competizione per essere visualizzata come risultato delle query digitate dal navigatore.
  • Ranking (Posizionamento): durante questa fase, il motore di ricerca posiziona ai vertici (nelle prime posizioni della SERP) quelle pagine che meglio rispondono alle ricerche digitate dagli utenti.

La nostra Guida SEO 2021 parlerà dei principali argomenti che influenzano questi 3 fattori.

Guida SEO aggiornata 2021: i principali fattori ed elementi SEO

I principali fattori SEO del 2021 che abbiamo delineato sono i seguenti:

Cap.1 – CONTENUTI DEL SITO: la qualità dei conenuti è primo fattore di posizionamento SEO.

Cap.2 – ARCHITETTURA DEL SITO: secondo fattore SEO, si riferisce al modo con cui è costruito il tuo sito. L’architettura del tuo blog può facilitare i motori di ricerca nell’individuazione degli argomenti che tratti, facendo “atterrare” i navigatori su pagine dal caricamento sicuro e veloce

Cap.3- HTML DEL SITO: i “tag” HTML (“Tiltle”, “Heading”, “Meta Description”, ecc …) sono un “indizio” fondamentale per far capire a Google, in maniera rapida, quali argomenti trattano le tue pagine web.

Cap.4 – REPUTAZIONE DEL SITO: Competenza, Autorevolezza ed Affidabilità – “EAT” (Expertise, Authoritativeness and Trustworthiness) è il quarto fattore utilizzato da Google per valutare la rilevanza del tuo sito.

Cap. 5 – LINKS DEL SITO: la qualità dei link “in entrata” (“Inbound Link”) sul tuo sito è il quinto fattore determinante per la qualità del posizionamento SEO del tuo blog.

Cap.6 – USER EXPERIENCE: la User Experience è il sesto fattore SEO 2021. Ad esempio, l'”Intento di Ricerca” dell’utente (“Intent”) e il suo coinvolgimento (“Engagement”) sul tuo sito possono alimentare in maniera positiva o negativa la “User Experience” del navigatore sul tuo sito web.

Cap.7 – SEO LOCAL : La SEO Locale è quella branca della SEO finalizzata all’ottimizzazione dell’esperienza di navigazione dell’utente che effettua una ricerca “locale” (Local Search).

Cap.8 – PUBLISHING: un sito editoriale che crea, organizza e promuove correttamente le proprie novità è uno strumento eccezionale per il miglioramento del posizionamento organico della tua attività.

Cap.9 – ECOMMERCE: un sito e-commerce deve essere progettato con una struttura che “esalti” l’esperienza d’aqcuisto dell’utente: descrizioni dei prodotti chiare ed originali, URL “user friendly”, ecc …

Cap 1: Contenuti del sito web (Content)

Guida SEO aggiornata 2021, esercizi posizionamento SEO

“Content is King”! I contenuti sono il fattore di posizionamento più importante anche nel 2021.

“l’Umanesimo prima della tecnica“: cerca sempre di realizzare sul tuo sito/blog dei contenuti originali che possano essere veramente utili al tuo target. Per “capire” cosa scrivere, ti consiglio di elaborare una Strategia Digitale che possa aiutarti a definire con precisione il tuo “Content Marketing”.

Prima di darti alcuni consigli su come scrivere contenuti vincenti, andiamo ad elencare gli elementi SEO che devi conoscere e che devi tenere sotto controllo durante la creazione delle tue pagine web.

  • QUALITA’ DEI CONTENUTI – “QUALITY CONTENT”: le pagine devono essere ben scritte, i concetti espressi devono portare alla proposizione di soluzioni concrete per il lettore e i testi devono avere una lunghezza minima di 300 parole.
  • RICERCA – “RESEARCH“: ricerca e analizza le parole chiave che vengono utilizzate dai tuoi target per “atterrare” sui tuoi contenuti. Ovviamente, ci sono diversi tool di analytics (Google Search Console e Google Analytics su tutti) per analizzare le parole chiave che portano al tuo sito; tuttavia se il tuo mercato non è particolarmente competitivo, puoi anche eseguire questa ricerca “a mano”, analizzando (in corrispondenza di ogni parola chiave che ti interessa) le prime 20 posizioni sulla SERP di Google (prime 2 pagine).
  • RISPOSTE – “ANSWERS”: crea contenuti che possano rispondere alle domande che gli utenti sottopongono e a Google. Ricordati che con l’avvento della “Voice Search” – la “ricerca vocale” sta prendendo sempre più piede.
  • SOSTANZA -“DEPTH”: quando scrivi i tuoi contenuti, punta alla “sostanza” senza realizzare contenuti eccessivamente lunghi che non diano un contributo effettivo.
  • MULTIMEDIA (IMMAGINI E VIDEO): inserisci immagini e video coerenti con i contenuti che tratti; se un’immagine vale più di 1.000 parole … figuriamoci un video ben fatto!
  • PAROLE CHIAVE “KEYWORDS“: ottimizza i tuoi testi con le parole chiave strategiche relative agli argomenti che stai trattando, senza sovra-ottimizzare.
  • FRESCHEZZA DEI CONTENUTI – “FRESHNESS”: realizza periodicamente nuovi contenuti utili a far tornare i tuoi clienti sul sito. Ricordati, inoltre, di aggiornare i contenuti “più vecchi” (e performanti), per migliorarli ulteriormente, in modo da fronteggiare la concorrenza!

 

Consigli su come realizzare e gestire i tuoi contenuti:

  • Non realizzare contenuti solo per scrivere “qualcosa di nuovo”: domandati in che cosa potresti essere d’aiuto ai tuoi clienti.
  • Concentrati sulle esigenze dei tuoi target: poniti sempre questa domanda: “questo aiuterà i miei lettori? Cosa ci guadagneranno?”
  • Domandati se il tuo contributo è unico: chiediti sempre se il contributo dei tuoi articoli è veramente unico e originale.
  • Fai sempre in modo di ricevere un feedback costante dai tuoi clienti.
  • Crea un elenco di tutti gli URL “strategici“: le pagine che desideri aggiornare (le pagine migliori del tuo blog; quelle che generano portano più traffico “organico”.
  • Analizza quanti “backlink” (link in entrata) ha ogni pagina: aggiorna i contenuti che non hanno “backlink” e che generano poco traffico sul tuo sito web.
  • Identifica le pagine che non soddisfano le intenzioni di ricerca di ricerca degli utenti, aggiornandoli con nuove informazioni che rendano questi articoli più interessanti.
  • Identifica le pagine con argomenti duplicati o molto simili: accertati se questi articoli debbano essere cancellati oppure combinati con altre pagine.
  • Identifica le pagine con contenuti obsoleti: aggiorna le pagine vecchie con informazioni più recenti.

Guida SEO aggiornata 2021 – esercizio SEO: scrivi il contenuto della tua pagina web

esercizi sulla SEO, esercitazioni pratiche sul posizionamento, scrivi un articolo del tuo blog

ESERCIZIO SEO: crea il contenuto della tua pagina web mettendo in pratica quanto descritto fin qui nell’articolo. Realizza una pagina con un contenuto originale che possa soddisfare le necessità informative del tuo target potenziale. Scrivi un testo che sia composto da almeno 300 parole con almeno una parola chiave strategica relativa al tuo business/settore.

Cap 2: Struttura del sito web (Architecture)

Guida SEO aggiornata 2021, nozioni sul posizionamento organico

Il modo in cui è costruito il tuo sito è il secondo fattore della Guida SEO aggiornata 2021 che permette a Google e gli altri motori di ricerca di comprendere meglio gli argomenti che tratti.

Una corretta architettura del tuo sito internet, garantisce agli utenti un “atterraggio” sicuro (privo di malware) e “rapido“, grazie ai tempi brevi di caricamento della pagina web.

Quali sono gli elementi dell’architettura di un sito internet che possono influenzare il posizionamento del tuo blog?

  • SCANSIONE (CRAWL): il “Crawling” è il processo in base al quale i motori di ricerca aggiornano i propri database di siti, scansionando la “rete” alla ricerca di contenuti nuovi. Quando i motori di ricerca trovano nuovi contenuti (pagine, immagini, video) li salvano nel proprio database. Come puoi facilmente intuire, se Google non riesce a trovare il tuo sito, difficilmente potrà indicizzarlo, restituendolo nei risultati di ricerca.

ES: come capire se il tuo sito è indicizzato? Vai sulla barra di ricerca di Google e digita l’operatore “site” seguito dal nome del tuo sito web. Es: site:11marketing.it

  • MOBILE (SITO MOBILE): il secondo elemento del fattore “Architettura” riguarda il “Mobile”; Il tuo sito è facilmente raggiungibile e fruibile sia nella versione desktop che mobile? Nel web moderno le “ricerche in movimento” sono in continua crescita e per poter rimanere competitivi è fondamentale soddisfare anche (e soprattutto) le esigenze informative e di acquisto degli “utenti in movimento”. Google, inoltre, con l’introduzione del “Mobile First Indexing” (2019), aveva già sancito l‘utilizzo prevalente della versione dei contenuti per dispositivi mobili per l’indicizzazione e il ranking.

Come capire se le tue pagine sono ottimizzate per i dispositivi “mobili”? 

Vai sulla barra di ricerca di Google e digita “test ottimizzazione mobile google” e troverai il “test di ottimizzazione mobile di Google”. Inserisci l’indirizzo del tuo blog e il gioco è fatto!

  • VELOCITA'(SPEED): come accennato nei paragrafi precedenti, la velocità del tuo sito internet è un altro elemento determinante sia per il “Indexing”  (Indicizzazione) su Google, sia per la UX (User Experience) dell’utente che naviga sul tuo sito. Per Google, infatti, la velocità di caricamento di un sito è diventato uno dei fattori SEO più importanti.

Come valutare la velocità del tuo sito internet? 

Vai sulla barra di ricerca di Google e digita: “Google page speed insights” e troverai il “test di velocità per siti web di Google”. Inserisci l’indirizzo del tuo blog e premi invio!

  • KEYWORD URL (PAROLE CHIAVE NELLA PAGINA): quando progetti la struttura del tuo sito, ricordati di inserire all’interno delle “URL” delle tue pagine web, la parola chiave “primaria” trattata dalla pagina specifica.

ESIl sito del tuo ristorante si chiama: www.paninotecaroma.it. Se realizzi una pagina che parla degli “hamburger vegani”, devi costruire una “URL” nel modo seguente: wwww.paninotecaroma.it/hamburgher-vegani.

Questo accorgimento consente a Google di scansionare e successivamente indicizzare in maniera più efficace il sito del tuo ristorante.

  • CONTENUTI DUPLICATI (DUPLICATE CONTENT): occhio ai contenuti duplicati! Sforzati di creare pagine e articoli nuovi ed originali i cui argomenti non entrino in conflitto con articoli simili scritti in precedenza. Devi sapere, infatti, che Google tende a penalizzare i testi di pagine con argomenti simili … Purtroppo, soprattutto quando si hanno siti di centinaia e centinaia di pagine, può capitare di scrivere articoli ritenuti “simili” da Google che non verranno mai indicizzati! Se sei un SEO/Webmaster con esperienza, ti consiglio di configurare le pagine “simili” del tuo blog con gli “indirizzamenti canonici”.

ES: Puoi verificare i contenuti duplicati attraverso il tool “Copyscape”.

ES: se hai realizzato un sito web e pensi di avere delle pagine che trattano argomenti molto simili, reindirizza le pagine meno importanti verso quella che ritieni più rappresentativa riguardo l’argomento trattato. 

Con questo accorgimento eviterai eventuali penalizzazioni di Google (perdita di posizionamento) su una o su entrambe le pagine.

  • PROTOCOLLO “HTTPS“: assicurati di aver configurato il “protocollo https” all’interno del tuo sito. L‘”https” permette agli utenti che comunicano informazioni sul tuo sito (su moduli contatto/form) di avere maggiore tranquillità riguardo la sicurezza dei propri dati. Google, inoltre, per “tranquillizzare” gli utenti, segnala i siti “https” con un “lucchetto verde”.

ES: verifica l’installazione e il corretto funzionamento del tuo protocollo SSL con il tool “SSL CHECKER”.

Guida SEO 2021 – esercizio SEO: analizza l’architettura del tuo sito web

esercizi sulla SEO, esercitazioni pratiche sul posizionamento, scrivi un articolo del tuo blog

ESERCIZIO SEO: verifica l’architettura di un sito web che desideri analizzare, utilizzando i “tool” gratuiti descritti nel capitolo.

Cap 3: HTML: i “Tag HTML”

Guida SEO aggiornata 2021, i tag HTML Cap. 3

Ed eccoci giunti al Cap. 3 della Guida SEO aggiornata 2021: i“tag HTML” sono un altro aspetto determinante per la creazione e il posizionamento SEO delle tue pagine web!

“tag HTML” sono stati creati per “comunicare” con i motori di ricerca, mettendoli in condizione di capire in maniera più efficace e rapida il contenuto di una determinata pag. web.

Tra i vari “tag” ce ne sono alcuni particolarmente importanti per la SEO: i “meta tag”.

  • Meta tag “tilte”
  • Meta tag “description”
  • Meta tag “keywords”

Questi tag non sono direttamente visibili al navigatore che legge una pagina web (perchè sono scritti all’interno del “codice sorgente” del sito internet) ma sono perfettamente leggibili dai software del motore di ricerca che scansionano, indicizzano e posizionano il sito web.

Come leggere i meta tag di un sito internet?

Consultare i meta tag di un sito web è semplicissimo:

  1. Apri il browser “Google Chrome”.
  2. Digita l’indirizzo di un sito web che vuoi consultare.
  3. Tasto destro del mouse in un punto qualsiasi della pagina web.
  4. Clic “codice sorgente”.
  5. Vedi il codice con cui è scritta la pagina.
  6. Trovi i meta tag HTML nella sezione compresa tra <head> e </head>.

ES: meta tag contenuti nella homepage di un sito che tratta di “modellini robot anni 80” www.modellinirobotanni80.it

Meta tag contenuti nella homepage di un sito che tratta di “modellini robot anni 80”

Nell’immagine in alto ho evidenziato con azzurro, verde e rosso rispettivamente i meta tag “title”, “description” e “keywords”.

Dove inserire questi TAG?

Ad esempio, se stai realizzando il sito web ”www.paninotecaroma.it” e vuoi scrivere una pagina che parli del tuo “hamburger vegano”, non puoi non prendere in considerazione i “meta tag”:

  • META TAG “tilte”: è quel tag HTML che descrive l’”essenza” della tua pagina web. A livello di codice HTML, questo tag si apre con <title> e si chiude con</title>. Se vuoi comunicare ai motori di ricerca l’argomento della tua pagina web, devi scrivere una “stringa” di testo all’interno del tag title.

ES: voglio specificare a Google che offro “hamburgher” vegani nel mio ristorante di Roma centro: <title>Ghiottosi hamburger vegani a 50 metri da Piazza di Spagna</title>.

il testo inserito all’interno del tag “title” dovrebbe avere sempre una lunghezza compresa tra i 50 e i 60 caratteri.

  • META TAG “Description”: è quel tag HTML che riassume l’argomento della tua pagina web. A livello di codice HTML, questo tag si si identifica con <meta name=”description” content=””>. Devi inserire il tuo testo nello spazio all’interno delle virgolette””. Questo meta tag è pensato più per “l’uomo” che per i motori di ricerca e non ha un “peso” determinante per la SEO come quello che ha il tag “title”.

ES: voglio riassumere al navigatore il contenuto della pagina web “hamburger vegani”: <meta name=”description” content=”Cuciniamo per te squisiti hamburger vegani nel nostro ristorante a 50 metri dalla metro a di Piazza di SpagnaScegli gli ingredienti che desideri“>.

il testo inserito all’interno del tag “description” dovrebbe avere sempre una lunghezza compresa tra i 130 e i 150 caratteri.

Se vuoi contare i caratteri dei tuoi <title> e delle tue <description> puoi utilizzare il tool gratuito contacaratteri.it

  • META TAG “keywords”: è quel tag HTML che indica la parola chiave principale con cui è ottimizzata la tua pag. web. A livello di codice HTML, questo tag si identifica con <meta name=”keywords” content=””>. Devi inserire la parola chiave rappresentativa della pag. all’interno delle virgolette”. Nella SEO “moderna” il meta tag keywords stà perdendo d’importanza, poichè Google e i principali mortori di ricerca non lo considerano determinante per il posizionamento di una pagina web.

ES: Inserisco la parola chiave principale della pagina “hamburger vegani” all’interno del tag: <meta name=”keywords” content=“hamburgher vegani“>.

  • TAG “Header” (h1, h2, h3): un altro elemento fondamentale per l’ottimizzazione della tua pag. web sono i tag h1, h2, h3. A livello di codice HTML, questo tag si apre con <h1> e si chiude con</h1>. Quando scrivi il titolo della tua pagina ricordati di “formattarlo” con il tag “h1”; e così via per i sottotitoli dei paragrafi della pagina che formatterai con “h2”, “h3”.

ES: Inserisco il titolo h1 della pagina in questione: <h1>Ghiottosi hamburger vegani con ingredienti personalizzati</h1>.

  • TAG “Alt”: questo tag ha una duplice valenza perchè oltre a rendere le immagini più accessibili ai “non vedenti” che usano gli screen-reader, aiuta anche i robot dei motori di ricerca a interpretare le tue immagini durante la scansione, l’indicizzazione e il posizionamento del tuo sito. A livello di codice HTML, questo tag si identifica con<alt>.

ES: Inserisco il tag “alt” all’interno della mia immagine: <img alt=”hamburger vegani” “src=”https://paninotecaroma.it/hamburger-vegani.jpg”>

Come e dove inserire questi tag?

Se sei un webmaster con un minimo di esperienza e se utilizzi il CMS WordPress, installando il famoso plugin SEO By Yoast, puoi ottimizzare la tua pagina web dettagliando questi tag nell’apposita sezione.

In questo modo, mentre scrivi i testi della tua pagina web (utilizzando l’editor del sito), puoi “istruire” i motori di ricerca dettagliando i “meta tag” nella sezione dedicata del plugin SEO by Yoast.

esempio ottimizzazione SEO pagina web con plugin SEO by Yoast
Esempio della schermata del plugin WordPress SEO by Yoast

Se invece sei un appassionato di codice HTML e vuoi creare il tuo sito “a mano” non ti rimane che utilizzare l’ HTML5!

Guida SEO aggiornata 2021 – esercizio SEO: realizza un articolo con i meta tag descritti

esercizi sulla SEO, esercitazioni pratiche sul posizionamento, scrivi un articolo del tuo blog

ESERCIZIO SEO: utilizzando “Copyscape” (il tool di conteggio parole) scrivi un breve testo su un argomento che ti interessa, inserendo i meta tag e i tag: “Title”, “Description”, “Keyword”, “Header” e “alt”. Come riferimento puoi prendere l’immagine sotto: nella prima parte scrivi il testo dell’articolo con il titolo (h1); nella seconda dettagli tutti i tag e i meta tag.

esercizio SEO realizzazione testo ottimizzato con tag e meta tag, guida seo pdf 2021

Cap. 4: la “Reputazione” (Reputation)

Guida SEO 2021 la Reputazione - Reputation

Nel 4° Cap. della Guida SEO aggiornata 2021 parliamo di un altro elemento fondamentale per il tuo posizionamento: la “Reputazione” (Reputation).

Hai mai sentito parlare di “EAT”?

L”’EAT” – Expertise, Authoritativeness and Trustworthiness (Esperienza, Autorità e Fiducia) è il metodo utilizzato da Google per valutare la reputazione dei siti. Sebbene Google non inserisca l’”EAT” come un fattore direttamente responsabile del ranking di un sito, vale la pena approfondirne le componenti.

E’ indubbio che sulla “rete” alcuni contenuti sono più importanti di altri e che la reputazione della fonte è tanto più importante quanto più l’argomento è “delicato”.

I Digital Marketer americani affermano che gli argomenti “YMYL” – “Your Money or Your Life” (i contenuti che toccano i tuoi soldi e la tua vita) siano gli argomenti più interessati dal fattore “EAT”.

Definiamo le componenti della “EAT”:

A) Expertise (Esperienza)

L’“Expertise” (Esperienza) è sinonimo del livello di conoscenza acquisito dall’autore riguardo all’ argomento trattato nella singola pagina web.

B) Authoritativeness (Autorevolezza)

L“Authoritativeness” (Autorevolezza) riguarda la reputazione che un professionista o un brand vanta tra gli esperti di “quel” determinato settore.

In altre parole, quando i tuoi concorrenti vedono il tuo sito come una fonte utile per gli argomenti che cercano, allora sei autorevole!

Per valutare l’Autorevolezza, i “Quality Raters” (Valutatori) vanno alla continua ricerca di recensioni, referenze, raccomandazioni (preferibilmente rilasciate da esperti dello stesso settore) riguardo ad un sito che tratta un determinato argomento.

C) Trustworthiness (Credibilità)

La “Credibilità” ha a che fare con la legittimità, la trasparenza e la precisione del contenuto di un sito web.

Un elemento che favorisce la credibilità è certamente la “firma” dell’autore sui contenuti creati e pubblicati, soprattutto quando si tratta di argomenti della sfera “YMYL” – “Your Money or Your Life” (i contenuti che toccano i tuoi soldi e la tua vita).

Come migliorare la “EAT” del tuo sito web?

Come migliorare la “EAT” del tuo sito web e quindi la tua reputazione?

Precisiamo subito che la “EAT” non è un valore direttamente misurabile …tuttavia ci sono dei fattori sui quali puoi lavorare per migliorare la tua reputazione.

  • Link in entrata (inbound link) “autorevoli“: contatta siti autorevoli che possano essere interessati a linkare il tuo sito internet.
  • Aggiorna costantemente i tuoi contenuti costruisci un “piano di content marketing” efficace che ti consenta di calendarizzare gli aggiornamenti del tuo sito web.
  • Verifica i fatti: soprattutto se tratti contenuti medici o finanziari, fai in modo che questi argomenti siano approvati dalla comunità di esperti di riferimento.
  • Raccogli recensioni: le recensioni positive sono un’ottima “cartina di tornasole” per valutare la qualità e l’utilità dei contenuti veicolati da un sito web.
  • Ingaggia un esperto: ingaggiare degli esperti per farli scrivere sul tuo sito può essere un ‘ottimo investimento per dar maggior “peso” agli argomenti che tratti. Questo è particolarmente vero per i contenuti “YMYL”.
  • Inserisci i tuoi contatti: inserisci i tuoi contatti (email, indirizzo, numero telefono), con la possibilità per l’utente di inserire i suoi commenti. I riferimenti di chi crea l’articolo sono particolarmente importanti per i contenuti “YMYL”.
  • Essere “menzionato”: le menzioni (il nome della tua azienda, del tuo blog) su noti siti web del tuo settore possono aiutare a migliorare la tua autorità. I Quality Raters, spesso, vanno alla ricerca delle “mentions” quando valutano la reputazione del sito web e dell’autore.
Guida posizionamento SEO 2021, Cap 5 i Link

La qualità e (la quantità) dei links soprattutto i link “in entrata” (inbound links) è un elemento fondamentale per migliorare la reputazione ed il posizionamento del tuo sito/blog.

Come è noto, i siti più “illuminati” forniscono ai propri lettori link “in uscita” (outbound link) ad altri siti (almeno di pari qualità) per approfondire gli argomenti trattati.

Secondo Google, infatti, per offrire una corretta esperienza di navigazione all’utente, è necessario soddisfare pienamente le sue necessità, comunicandogli tutte le informazioni possibili riguardo la materia trattata.

Dunque, essere “linkati” da altri siti di qualità non è “solo” una questione di “reputazione” ma è anche un utile servizio reso al navigatore, che potrà approfondire un determinato argomento usufruendo di ulteriori “risorse” web.

Quali sono le componenti di un’ efficace linking strategy?

  • Link Quality (Qualità dei Link soprattutto in entrata): cerca di costruire, in maniera più “naturale” possibile, uno scambio di link con siti in “trust” che trattino argomenti simili al tuo. Ricordati che i link “in entrata” di qualità (i siti che ti linkano) hanno maggior “peso” dei link in uscita! (i link dal tuo sito che portano ad altri siti).
  • Anchor text (testo ancora): il testo ancora che compone il link (es: la parola “ghiottosi hamburger vegani” è il testo “ancora” del link “https://ristoranteveganoroma.it/hamburger-vegani”) deve essere a “coerente” con il link al quale deve fare riferimento.
  • Link Quantity (quantità dei Link): ovviamente oltre alla qualità dei link (soprattutto in entrata) è importante anche la quantità di questi link.

ES: se crei siti web, potresti contattare il sito di una tipografia della tua città, in modo da creare una sinergia utile per entrambi.

ATTENZIONE! Lo scambio di link NON deve essere “simmetrico”: se io linko il sito “1” e il sito “1” fa lo stesso con il mio sito e linko anche il sito “2”, è meglio che il sito “2” non linki anche il mio sito.

In sostanza, per non creare “matrici artificiali di link” (che potrebbero essere penalizzate da google) è bene progettare una linking strategy “asimmetrica” dove non ci sia perfetta “reciprocità” tra link in uscita e in entrata con ogni partner.

Guida SEO aggiornata 2021 – esercizio SEO: elabora la tua “Linking Strategy”

esercizi posizionamento SEO

ESERCIZIO SEO: analizza sulla prima pagina di Google 2/3 siti web appartenenti ad un settore complementare al tuo che potrebbero essere interessati ad effettuare uno scambio di link con il tuo blog; contattali e proponi loro la tua “strategia di scambio link”. Ti consiglio di chiamarli prima telefonicamente (presentandoti in maniera professionale; questo primo approccio ti consente di “emergere” dalla massa) e successivamente di inviare loro una email riassuntiva di quanto proposto telefonicamente.

Guida SEO aggiornata 2021 – Cap. 6: “Utente” (User)

mini guida posizionamento seo, utente, user

L’“Utente” (User) è il sesto fattore fondamentale della nostra guida sul posizionamento SEO. Gli elementi che influenzano questo fattore sono:

  • Country (Paese) e Locality (Località): ovviamente, puoi gestire questi elementi realizzando un sito che “parli” correttamente al target al quale ti rivolgi. Ad esempio, utilizzando “Hreflag” puoi specificare la lingua del tuo sito (es: eng-us per USA e eng-gb per Gran Bretagna).  Inoltre, se ti rivolgi ad un target “locale” accertati di includere parole chiave riferite alla città/comune/quartiere ai quali si rivolgono i tuoi servizi.
  • Ux (User Experience): il tuo sito è realizzato e scritto per favorire l’esperienza dell’utente, facendo in modo che il navigatore possa ritornare sul tuo sito web approfondendo gli argomenti che tratti?
  • Intent (Intento): le pagine del tuo sito soddisfano l”Intento” di ricerca del navigatore? I tuoi utenti “atterrano” con facilità sulle pagine del tuo sito in funzione dell’intento di ricerca che si cela dietro le ”query” che digitano sulla SERP?
  • Engagement (Coinvolgimento): l’Engagement rappresenta il grado di coinvolgimento dell’utente quando ha sperimentato l’esperienza del tuo sito. In sostanza, piu’ un navigatore è “coinvolto”, piu’ ritornerà sul tuo sito senza cercare quello che desidera su altri risultati della SERP di Google.

Esercizio SEO: realizza un articolo originale che possa coinvolgere l’utente, favorendo il suo ritorno sul sito

esercizi posizionamento SEO

ESERCIZIO SEO: supponiamo che il tuo business si rivolga ad un mercato “locale”. Ottimizza il testo della pagina “hamburger vegani”, inserendo oltre alla parola chiave “Roma” anche altre “chiavi” di ricerca su alcuni quartieri del centro della Capitale. Successivamente, scrivi un paragrafo finale che possa invogliare il navigatore a ritornare su questa pagina, in funzione di una novità o di un omaggio che andrai a proporre ai tuoi clienti.

Guida SEO aggiornata 2021 – Cap. 7: la SEO locale (Local Seo)

esercizi LOcal SEO, mini guida SEO 2021

Cos’è la SEO Locale (Local SEO)?

La SEO Locale è quella branca della SEO finalizzata all’ottimizzazione dell’esperienza di navigazione dell’utente che effettua una ricerca “locale” (Local Search).

In cosa consiste una Campagna di SEO Local?

Scopo di una Campagna SEO Locale è far arrivare l’utente sulla mappa dell’attività del cliente con meno passaggi possibile, senza necessariamente far atterrare il navigatore sul sito istituzionale dell’azienda.

Quali sono le componenti principali della Local SEO?

  • Google My Business (GMB): se hai un’attività locale e vuoi essere visibile “localmente” devi necessariamente “rivendicare” la mappa della tua Impresa, compilando, successivamente, la tua scheda “Google My Business”.
  • Posizione del navigatore (Locations): la posizione dove si trova l’utente al momento della ricerca è un fattore che influisce sulla visibilità locale di un’attività. Tanto è più vicina la location della tua impresa al punto dove si trova il navigatore, tanto più può diventare visibile allo stesso.
  • Citazioni (Citations): le citazioni sono riferimenti online a una determinata attività commerciale che comprendono il nome, l’indirizzo e il numero di telefono (NAP) dell’attività stessa. Un esempio di citazioni lo hai con Google My Business, Bing Map, Facebook, ecc …
  • Recensioni (Reviews): le recensioni sono un elemento chiave di Google My Business. Grazie alle recensioni sulla tua scheda GMB hai la possibilità di migliorare la credibilità della tua Attività con effetti positivi a livello di immagine e di posizionamento. Grazie alle recensioni, inoltre, puoi sviluppare la sezione “domande e risposte” sulla tua scheda, “coltivando” le parole chiave “strategiche” legate al tuo business.

Guida SEO 2021 – esercizio SEO: ottimizza il tuo account “Google My Business”

esercizi posizionamento SEO

ESERCIZIO SEO: se non lo hai già fatto, “rivendica” la tua mappa su Google e apriti un account su Google My Business. Compila tutti i campi richiesti. In questo nostro articolo ti diamo alcuni consigli https://11marketing.it/consulenza-seo-locale-roma/ . Dopo aver configuraro il tuo account su GMB, contatta i tuoi migliori clienti (quelli che hanno un account gmail) e invitali ad accedere all tua mappa, chiedendo loro di scrivere una recensione positiva sui tuoi prodotti/servizi.

Guida SEO aggiornata 2021 – Cap. 8: Notizie, Novità (Publishing)

guida posizionamento organico 2021, esercizi seo publishing

Aggiornare spesso il tuo sito con notizie e novità è un’opportunità per migliorare il tuo “posizionamento organico”.

Se hai un sito editoriale, che produce molte novità, questi sono gli elementi che puoi “governare” per gestire al meglio la tua SEO:

  • Archives (Archivi): un archivio ben strutturato in “categorie” tematiche è un pilastro fondamentale per la corretta ed ottimale organizzazione dei tuoi contenuti.
  • Top Stories: ottimizzare il tuo sito per mettere in evidenza le Top Stories è un altro impostante aspetto SEO. Le Top Stories nella versione “Web Stories” di Google, ad esempio, possono apparire nella ricerca di Google, in Google immagini e in Google Discover. Le Web Stories – formato basato su video, immagini e testo, hanno lo scopo di coinvolgere l’utente creando un’esperienza originale e dinamica.
  • Image Required (Immagini): ogni articolo che realizzi deve includere all’inizio almeno un’immagine a tema, le cui dimensioni devono essere almeno di 1200 pixel di larghezza e 800 px. di altezza.

Esercizio SEO: prepara il tuo “Piano Editoriale”, suddividi gli argomenti in categorie e ordina il tuo archivio di immagini

esercizi posizionamento SEO

ESERCIZIO SEO: se ami scrivere e ti piace aggiornare il tuo sito web, prepara un piccolo “Piano Editoriale” mensile, sul quale calendarizzerai gli argomenti degli articoli che andrai via via ad inserire. Inoltre, in corrispondenza di ogni argomento, seleziona un’immagine rappresentativa dei contenuti che andrai a comunicare. Successivamente, crea le “categorie” nelle quali andrai ad inserire i gruppi di articoli che trattano lo stesso argomento. Es: categoria “SEO” (gli articoli sulla SEO”, categoria “Social” (gli articoli che trattano di “Social”) ecc …

Guida SEO aggiornata 2021 – Cap. 9: Ecommerce

Guida Posizionamento Google 2021 - ecommerce

L’ultimo fattore da esaminare è l’E-commerce; devi sapere che il posizionamento SEO nel commercio elettronico può essere molto diverso da quello utilizzato per una pagina web comune.

Vediamo quali sono gli elementi fondamentali che possono influire sul posizionamento di un sito E-commerce:

  • Descrizione dei prodotti (Product Description): le descrizioni dei prodotti dovrebbero essere dettagliate, approfondite e di facile comprensione. La cosa più importante, però, è che queste descrizioni siano uniche! (Non limitarti a utilizzare il contenuto del produttore).
  • Architettura del prodotto (Architecture): questo fattore di riferisce al modo con cui è “costruito” il prodotto: la categoria al quale appartiene, le sue peculiarità (caratteristiche, funzionalità, dimensioni, prezzo, colori, varianti), le parole chiave che lo identificano, ecc … Tutte queste informazioni devono essere chiaramente comunicate e immediatamente accessibili all’acquirente.
  • Impaginazione (Pagination): fai in modo che tutte le pagine dei prodotti (soprattutto le pagine di quelli più richiesti) siano failmente raggiungibili.
  • URL (Indirizzi pagime prodotto): fai in modo che le “URL” delle pagine dei prodotti siano facilmente “leggibili” e utili al navigatore che desidera effettuare un acquisto sul tuo sito. Ad esempio, la struttura dell’URL azienda.com/categoria/prodotto/ è molto più facile da navigare rispetto a uno azienda.com/SKU125. Dunque crea delle strutture URL “user friendly”.
esercizi posizionamento SEO

Esercizio SEO: analizza la struttura di un sito ecommerce

Come ultimo esercizio “SEO”, analizza la struttura di un sito ecommerce a tuo piacimento (ovviamente, se ne possiedi uno, esamina il tuo!). Naviga tra le pagine dei prodotti e valuta: 1) Se il prodotto che ti interessa è acquistabile in pochi “click”; 2) Se il prodotto ha delle “descrizioni” utili ed esaudienti che “invogliano” all’acquisto. 3) Se il prodotto è inserito in una “categoria” specifica. 4) Se la pagina del prodotto ha una URL “user friendly” che mostri il percorso all’interno del quale è inserito il prodotto stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.